Centenario della nascita del nome di Porto Garibaldi

Nel 1919 magnavacca cambiava nome in Porto Garibaldi



Porto Garibaldi festeggia quest'anno un'importante ricorrenza, il suo cambio di nome da Magnavacca. Il 6 Aprile verranno presentati il programma degli eventi in calendario, per celebrare il centenario della denominazione da Magnavacca a Porto Garibaldi e del libro “1919 Magnavacca – 2019 Porto Garibaldi l’anno del centenario”.

Il 13 Aprile ci sarà la celebrazione vera e propria. Si partirà dalle 10 con l'Alzabandiera e i saluti del sindaco Marco Fabbri, dell'assessore Maria Chiara Cavalieri, del prefetto Michele Campanaro, della consigliera regionale Marcella Zappaterra, dell'Arcivescovo di Ferrara Gian Carlo Perego, di Luigi Davide Mantovani (vice Presidente dell'Associazione “Amici del capanno di Garibaldi” di Comacchio), Annita Garibaldi Jallet (pronipote di Giuseppe Garibaldi)e del rappresentante del Consiglio Comunale dei Ragazzi. 

 
Per l'occasione verrà data lettura del Decreto del 13 aprile 1919 con il quale Magnavacca divenne Porto Garibaldi. 

Seguirà la deposizione della corona d’alloro al cippo monumentale dedicato allo sbarco di Giuseppe Garibaldi, al cippo dei Marinai e a quello dedicato ai Patrioti garibaldini in Piazza 3 agosto, l'omaggio al monumento a Garibaldi e Anita in fuga in viale Bassi. Presterà nel frattempo servizio la Fanfara dei Bersaglieri “Garibaldina” di Treviolo (Bergamo). 
 
Saranno messe a dimora piante di rosa “Anita Garibaldi” nell’ambito del progetto coordinato dall’ente morale Museo e Biblioteca “Renzi” di Borghi (Cesena), sostenuto dai Comuni della trafila garibaldina.

Per concludere si terrà un aperitivo presso la sede Anmi di Porto Garibaldi a cura dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Remo Brindisi” e, nella stessa sede sarà possibile ottenere l'Annullo filatelico del centenario.

In occasione delle celebrazioni la motovedetta d’altura CP 274 della Direzione marittima – Guardia Costiera dell’Emilia Romagna sarà ormeggiata nel Porto Canale in prossimità del luogo della cerimonia con possibilità di visita a bordo da parte della cittadinanza.

Informativa estesa sull'uso dei cookies